Liceo Scientifico "Boggio Lera" (Ex Convento SS. Trinità) 087015_01

Informazioni generali

Indirizzo
Liceo Scientifico "Boggio Lera" (Ex Convento SS. Trinità)
Via Vittorio Emanuele, 346/348
95131 Catania (CT)
Lon. - Lat.: 15,080416 - 37,502161
Categoria SCOLASTICO
Tipologia Liceo

Analisi dei consumi

Consumi termici

Non è stato possibile reperire i dati dei consumi nel dettaglio, il dato complessivo del consumo di gas metano per l’anno 2013 è m3 20.729 pari a 198.998,4 kWht.


Anno Consumo [m3] Consumo [kWht] Costo [€]
2013 62.187 596.994 0,00

Consumi elettrici

Al fine di determinare i consumi elettrici si è proceduto a censire le fatture emesse dalla società distributrice dell’energia elettrica fornite dall’istituto scolastico. Per l’anno 2012 l’energia elettrica impegnata dall’edificio è stata pari a 238.862 kWh, per l’anno 2013 l’energia elettrica impegnata dall’edificio è stata pari a circa 236,214 kWh, mentre per l’anno 2014 è stata pari a circa 182.214 kWh. Per gli anni 2013 e 2014, essendo non complete le fatture fornite dall’istituto, si è proceduto, per alcuni mesi, ad una stima basata sulle fatture pregresse.


Anno Consumo [kWhe] Costo [€]
2012 239 52,85
2013 236 50,63
2014 182 37,55

Emissioni di CO2

Dopo aver quantificato l’energia impegnata negli anni 2012, 2013 e 2014, sono state calcolate, le emissioni di CO2 derivanti da questi consumi. A tal fine sono stati utilizzati fattori di emissione standard definiti secondo le linee guida JRC (pag. 94).

EMISSIONI DI CO2 – anno di riferimento 2013

VETTORE

FATTORE DI EMISSIONE

CONSUMO

EMISSIONI

 

[t CO2/MWh]

[MWh]

[t CO2]

ENERGIA ELETTRICA

0,483

238,86

115,37

METANO

0,202

199,00

40,20

TOTALE

 

 

155,55


Analisi energetica

Analisi teorica del fabbisogno energetico

Per l’edificio in esame è già presente un attestato di certificazione energetica redatto dall’Arch. Rita D’Eustacchio ed emesso il 10/04/2013. Tale certificato, a fine lavori, dovrà essere aggiornato.

Fabbisogno energia termica
Fabbisogno energia termica riscaldamento [kWh] 0,00
Fabbisogno energia termica acs [kWh] 0,00
Fabbisogno energia primaria
Fabbisogno energia primaria riscaldamento [kWh] 0,00
Fabbisogno energia primaria acs [kWh] 0,00
Fabbisogno energia primaria globale [kWh] 0,00
EP
EP riscaldamento [kWh/m3 anno] 0,00
EP acs [kWh/m3 anno] 0,00
EP globale [kWh/m3 anno] 0,00
Emissioni di CO2
Emissioni di CO2 per usi termici [kg CO2/m3 anno] 0,00
Classe energetica
Classe energetica riscaldamento E
Classe energetica acs
Classe energetica edificio E

Ipotesi di intervento

Titolo Classe energetica Risparmio annuo Costo Tempo di rientro

Edificio

Descrizione del complesso edilizio

Il complesso che ospita il Liceo è sito nel centro storico di Catania; esso interessa un grande isolato costituito da più corpi di fabbrica, avente superficie complessiva pari a circa m2 10.000 e delimitato a Nord da Via Teatro Greco, ad Est da Via Quartarone, a Sud da Via Vittorio Emanuele e ad ovest da Via S. Barbara.

L’isolato, di forma pressoché quadrangolare con lato pari a circa 100 metri, ospita, oltre ai locali del Liceo Scientifico "E. Boggio Lera", su una superficie di circa 1600 m2 ubicata nell’angolo Nord‐Ovest del complesso, la Caserma dei Carabinieri di P.zza Dante; mentre l’angolo opposto, tra la Via Quartarone e la Via Vittorio Emanuele, è caratterizzato dalla presenza della Chiesa della SS. Trinità.

Il complesso è sorto nel 1566 come nuova sede del Monastero della SS. Trinità e dopo le parziali rovine apportate dalla colata lavica del 1669 andò completamente distrutto con il terremoto del 1693.

Nei cento anni successivi furono eseguite solo opere di miglioria e manutenzione che non mutarono la sostanza del complesso.

Dal punto di vista strutturale il complesso è costituito da muri portanti in pietra lavica di grosso spessore, volte reali per gli interpiani e finte volte in incannucciato e gesso per i piani sottotetto. Le coperture sono in coppi e canali e poggiano su orditure in legno.

Nel 2007 viene redatto un progetto di recupero, conservazione e miglioramento sismico dell’immobile, in quanto l’edificio posto lungo la via Teatro Greco, compreso tra la Caserma dei C.C. e via Quartarone, presentava dissesti tali da averne inibito l’agibilità da parecchi anni e il corpo di fabbrica che ospita la palestra femminile e i servizi igienici del liceo era interessato da crolli di limitata entità. Inoltre il progetto prevedeva il rifacimento della facciata principale su via V. Emanuele e parzialmente su via Quartarone e su via Teatro Greco.

Nel 2013 è stato autorizzato e approvato, con Fondi strutturali europei: "Programmazione dei Fondi Strutturali europei 2007‐2013‐ PON‐FESR IT 16 1 PO 004 ‐ Ambienti per l'apprendimento ‐ Asse II ‐ Qualità degli ambienti scolastici; potenziare le strutture per garantire la partecipazione delle persone diversamente abili e quelle finalizzate alla qualità della vita degli studenti", e dal provvedimento di conferma del finanziamento nota prot. AOODGAI/1129 del 25/01/2013, il progetto di riqualificazione degli ambienti scolastici relativi all'efficienza energetica, alla sicurezza, all' attrattività e all’accessibilità del liceo scientifico statale “Enrico Boggio Lera”.

Gli interventi succitati sono, allo stato attuale, in corso d’opera, quindi parti dell’edificio sono inaccessibili. I dati raccolti non risultano completi.






Dati generali
Anno di costruzione 1741
Destinazione d'uso scuola
Dati scuola
Popolazione scolastica 850
Presenza di doppi turni NO
Numero classi 39
Numero aule 6
Numero strutture sportive 2
Caratteristiche geometriche
Numero piani 3
Numero piani entroterra
Altezza interpiano 0,00 m
Altezza netta piano 5,20 m
Superficie piano 0,00 m2
Superficie riscaldata lorda 0,00 m2
Superficie riscaldata netta 0,00 m2
Superficie disperdente 9,35 m2
Superficie lorda strutture opache 0,00 m2
Superficie serramenti 0,00 m2
Superficie coperture 0,00 m2
Volume riscaldato lordo 41,54 m3
Volume riscaldato netto 0,00 m3
Rapporto s/v [m-1] 0,2250
Perimetro [m] 0,00

Caratteristiche dell'involucro

L’involucro edilizio, presenta una struttura portante in muratura piena di grosso spessore realizzata utilizzando blocchi di pietra lavica, ad eccezione di un padiglione e della palestra maschile che presentano una struttura in cemento armato. La muratura intonacata su ambo i lati mostra spessori variabili ai vari piani: spessore medio di circa 1,00 m al piano terra e al piano primo, spessore medio di circa 70 cm al piano secondo. Nel padiglione e nella palestra si riscontrano tamponamenti intonacati su ambo i lati dello spessore di circa 30 cm.

Il plesso in muratura portante è costituito da coperture in coppi e canali appoggiati su orditura lignea supportata da capriate in legno, da orizzontamenti a volte portanti in muratura per gli interpiani e finte volte di chiusura realizzate in incannucciato e gesso per il piano sottotetto. Le altezze nette di ogni piano sono diverse ed inoltre, i vari locali, avendo i soffitti a volta, mostrano altezze differenti. Alcuni locali presentano delle controsoffittature.

I plessi in c.a., su unico piano, sono costituiti da coperture piane a terrazza con soletta in laterocemento. Inoltre, vi è un plesso in cui la copertura è rappresentata dalla terrazza di pertinenza dei Carabinieri. Tale terrazza presenta un solaio in tavelloni e putrelle.

I serramenti risultano degli infissi in legno senza taglio termico e a vetro singolo dello spessore di circa 6mm, senza nessuna schermatura esterna. Lo spessore del telaio è di circa 65 mm.


Caratteristiche geometriche
Superficie esterna
Stato conservazione Buono
Degrado per infiltrazioni acqua piovana SI
Tipo copertura A falda doppia
Superfici coibentate NO
Struttura edificio Misto c.a. e muratura
Tipologia muri esterni Pietra
Spazi accessori 0
Caratteristiche tecniche infissi
Tipo telaio Legno
Tipo schermatura Sportelloni
Materiale schermatura Legno
Tipo vetro Singolo

Impianti Edificio

Impianto Termico

L’impianto termico, destinato esclusivamente alla climatizzazione invernale, si compone di una caldaia a gas naturale telegestita FERROLI mod. PREXTHERM 400 installata nel 2003 i cui dati tecnici sono riportati di seguito. Il bruciatore a gas è della stessa marca, il modello, non specificato nel libretto di impianto, non è stato possibile stabilirlo in loco in quanto sprovvisto di targhetta identificativa. Il fluido termovettore è l’acqua. Risultano assenti unità di trattamento acqua per l’impianto di climatizzazione e protezione del gelo e unità di trattamento dell’ACS. Il sistema di regolazione primario è di tipo ON-OFF senza alcun tipo di regolazione di singolo ambiente di zona. L’impianto risulta altresì sfornito di sistemi di contabilizzazione. Il sistema di distribuzione è di tipo verticale a colonne montanti non coibentato e presenta un vaso di espansione chiuso della capacità di 300 l e pressione di precarica di 1.5 bar. Le pompe di circolazione sono tre, fabbricante Grundfos mod. UP 25-50 a giri variabili della Pn di 0.55 kW cadauno.


Impianto di raffrescamento

Nel 2008 (circa) è stato realizzato, nel piano primo, in alcuni locali prospicienti la via Vittorio Emanuele, un impianto centralizzato ad aria calda e fredda per la climatizzazione estiva.

L’impianto, viene utilizzato principalmente per la climatizzazione estiva ed è costituito da un’unità esterna della ACSON mod. A4MC125ER FBAA e unità interne mod. ADB125ER. Presenta un sistema ON-OFF R407C con unità interna canalizzabile.

Al piano terra troviamo un altro impianto centralizzato a pompa di calore sempre utilizzato per la climatizzazione estiva. L’impianto è costituito da un’unità esterna della SANYO mod. SPV-CR484GVH56B e unità interne mod. SPW-KR124GH56.


Tipologia ACSON
Anno installazione 2008
Potenza elettrica 0,00 kW
Potenza frigorifera 0,00 kW

Impianto elettrico

Numero POD IT001E953939207
Numero cliente 101440
Numero contatori totale 2 kW
Numero contatori monofase
Numero contatori trifase
Distribuzione primaria BT
Tensione fornitura 380 V
Potenza impiegata 75 kW
Note

Impianto di illuminazione

I locali interni all’edificio scolastico sono forniti di apparecchi illuminanti del tipo riportati nei fotocolor sottostanti. Nella maggior parte dei locali troviamo plafoniere montate a sospensione, o a tetto, con all’interno due tubi fluorescenti da 36W cadauno, foto (11) e (12). Si riscontrano inoltre: plafoniere da incasso per controsoffitti con all’interno alloggiati quattro tubi fluorescenti da 18W cadauno, in un  certo numero di aule, foto (13); faretti con lampade MASTERColour da 150W, nei corridoi del piano terra e nel corpo scala, foto (14); faretti con lampade SAP da 70W, in un’aula al piano secondo, foto (15); un lampadario con quattro lampadine a risparmio energetico da 20W cadauno, nella presidenza, foto (16);  plafoniere incassate nel controsoffitto con quattro lampadine a risparmio energetico di circa 20W cadauno in un locale di segreteria, foto (17); quattro lampade MICROSOSIA/E27 della Castaldi con lampadine da 150W circa, nell’archivio della scuola, foto (18); faretti incassati a pavimento nell’Aula Magna, foto (19). Sono stati rilevati tutti i punti luce e riportati nelle tabelle sottostanti.

All’esterno, nei cortili interni della scuola, troviamo lampioni con lampadine, presumibilmente a risparmio energetico e faretti con lampade MASTERColour da 150W, foto (20) e (21).


Interni
Tipologia Potenza [W] Numero
TUBO FLUORESCENTE 36,00 403
TUBO FLUORESCENTE 18,00 486
MASTERCOLOUR 150,00 29
RISPARMIO ENERGETICO 20,00 8
INCANDESCENZA COMPATTA 150,00 4
SAP 70,00 14
INCANDESCENZA 70,00 1
ALOGENA 70,00 12
Esterni
Tipologia Potenza [W] Numero
TUBO FLUORESCENTE 36,00 403
TUBO FLUORESCENTE 18,00 486
MASTERCOLOUR 150,00 29
RISPARMIO ENERGETICO 20,00 8
INCANDESCENZA COMPATTA 150,00 4
SAP 70,00 14
INCANDESCENZA 70,00 1
ALOGENA 70,00 12